D come Donna

martedì 17 febbraio 2015

50 SFUMATURE DI PSICHIATRIA



Ebbene sì, anch'io sono andata a vedere il film "scandalo" di quest'anno e devo dire che dopo due ore e mezza di programmazione (e scusa se è poco), sono uscita dalla sala del cinema con un misto di rabbia e tristezza. Rabbia per tutte quelle donne presenti in sala (la maggior parte in età matura e da quanto ho potuto sentire dalle mie vicine di poltrona, erano al cinema di nascosto dai mariti) che alla fine del film si sono messe a saltellare e gioire come adolescenti infuriate.
Tristezza per il messaggio che trasmette questo film che di erotico non ha nulla bensì sminuisce la figura della donna, rendendola un oggetto.
Mi fa ridere l'idea che molte donne nella vita quotidiana, rispondo al loro partner,ogni volta che ha una richiesta, con un bel "non sono la tua serva" e poi si emozionano ed esultano per questa trama da oscar. Preciso che questo non è un post di una persona bigotta, ero consapevole del film che sarei andata a vedere, ma non ero cosciente del fatto che avrei assistito all'abuso di un malato mentale nei confronti di una ragazza che si è fatta plagiare a tal punto da regalare la propria purezza.
Infatti, vorrei ricordare a tutti quelli che forse non se ne sono accorti, perché troppo presi a guardare i protagonisti del film (l'unico lato positivo), che Anastasia Steel molte volte ha espresso il suo dissenso nel praticare le fantasie di Christian Grey.
Il sesso ha molte sfaccettature che rimangono sane ed erotiche solo nel momento in cui entrambe le parti siano consapevoli, ma soprattutto consenzienti, cosa che non è presente in questo film.
Insomma più che 50 sfumature di grigio, ho visto 50 sfumature di nero, nerissimo, che solo in un reparto di psichiatria si possono vedere.
Propongo per tutte quelle donne affascinate da questo prototipo di "uomo", 50 sfumature di rispetto.
Rispetto per se stessi, rispetto per la donna, rispetto per i sentimenti, rispetto per il corpo e per la mente. Penso che questo film sia stato un pugno nello stomaco per molte donne che vivono ogni giorno 50 sfumature di grigio nella propria vita e che di sicuro sono lontane dall'esultare e che anzi vorrebbero uscirne fuori, ma non ne trovano il coraggio e la forza.
Ricordiamoci che c'è una linea sottile tra il sesso e la perversione, ma entrambi hanno di base il rispetto e il sentimento!

Nessun commento:

Posta un commento